BACK

Farro Spelta

Il farro spelta: il farmaco meraviglioso

S.Ildegarda di Bingen scrive

“Il farro è il cereale migliore. Ha potere calorico, è molto nutriente ed è il più leggero di tutti gli altri cereali. Il farro fà buona carne, buon sangue e dà un carattere allegro e spensierato a chi se ne alimenta. Deve essere cucinato: puoi farne pasta, pane ed altro ancora; il farro, è buono, leggero e digeribile…”

Cos’è il farro spelta

Per farro si intende unicamente il “triticum spelta“, ossia il farro antico e puro, non incrociato con altri cereali, quindi di qualità

  • Oberkulmer Rotkorn,

  • Altgold Rotkorn,

  • Neuegg Weißkorn,

  • Bauländer Spelz,

  • Roter Tirole,

  • Ebners Rotkorn,

  • Ostro,

  • Frankenkorn,

  • Schwabenkorn. 

Il farro contiene proteine e molte vitamine (Gruppo E, B, acidi cloridrici e niacine) e dei minerali, specialmente del ferro, magnesio e fosforo. Contiene sei degli otto amminoacidi essenziali che favoriscono la produzione degli ormoni della felicità e del benessere. Questo cereale pieno di forza contiene preziosi acidi grassi salutari che hanno cura dei vasi sanguigni e non solo.
E’ un alimento che aiuta nelle malattie gastrointestinali, neurodermiti, diabete, infezioni croniche, malattie reumatiche, nervose, allergie alimentari e molto altro.

Cosa dicono del farro spelta

Ricerche ed anni di esperienze hanno dimostrato che la dieta con il farro come cereale principale è consigliabile sia per i giovani che per gli anziani, proprio anche quando il frumento, l'orzo, l'avena e la segale non sono tollerati.
Questo cereale possiede sostanze nutritive particolarmente compatibili per l'uomo.
I prodotti del farro contengono una quantità di minerali e sostanze vegetali, che ci si potrebbe nutrire solo di farro per diversi mesi, senza soffrire di mancanze nutritive o vitaminiche. Solo per fare un esempio, la composizione degli amminoacidi essenziali che si trova in questo cereale è in forma (solitamente) superiore a quella del grano:

Contenuto di amminoacidi in mg per grammo (chicco intero)

Amminoacidi

Farro 

Frumento

Cisteina

1.35

1.10

Lisina

2.75

2.90

Leucina

9.0

6.0

Isoleucina

5.60

4.40

Metionina

4.0

2.40

Fenilanina

7.0

5.0

Treonina

5.60

5.50

Triptofano

1.80

1.20


Purtroppo, il farro offerto oggi nei supermercati è per lo più una forma incrociata con il frumento e se incrociato perde le proprietà tipiche del farro originale, quali:

  •  Resistenza al gelo

  •  Resistenza alla siccità

  •  Resistenza ai funghi

sia a livello agricolo, sia a livello qualitativo di contenuto.
Nella maggior parte dei casi, la ragione di un incrocio è l' aumento della produttività fino al 40% in più di raccolto, peccato che ne va della qualità del prodotto e delle caratteritische che rendono il farro ottimale per la nostra salute.
E' un dato di fatto che il farro è generalmente più robusto del grano e richiede una lavorazione del terreno meno intensa, meno concimazione e cura. Da notare che al momento del raccolto il farro è spesso privo di erbacce e può essere falciato a secco.
Ogni singolo chicco della spiga di farro è protetto dalla pula, che lo protegge da piogge acide, polveri sottili, inquinamento ambientale o funghi. Quindi non necessita dell'uso della chimica per preservarne la crescita in agricoltura.

Come mangiarlo

Il farro può essere cucinato in mille modi come risotto, in minestre, se in farina si possono trovare ricette per pane, pasta, gnocchi, canederli, torte e tutto quanto si può fare con le altre farine.
Si comincia già con la prima colazione, dove si usa il farro nella ricetta per fare l'habermus e anche per fare il caffè !

Anche per celiaci 

Sebbene questo cereale non sia privo di glutine, il glutine di farro è generalmente tollerato molto meglio del glutine di frumento.
L'esperienza pratica ha dimostrato che l'alimentazione a base di farro è in grado di compensare i danni alla salute legati all'alimentazione. Il chicco di farro contiene non solo tutte le sostanze di base necessarie per un organismo sano come proteine, grassi, carboidrati, vitamine, oligoelementi e minerali, ma anche nutrienti vitali per la crescita e le cellule (viridine). Il dottor Strehlow riporta nei suoi scritti numerosi casi di ripresa della tolleranza al farro spelta nella sua forma antica, non incrociata e biologica, da parte di soggetti affetti da sensibilità al glutine ed in alcuni casi celiaci. Naturalmente una prova può essere fatta ma solo sotto stretto controllo medico e con una reintroduzione del glutine di spelta molto lenta, inizialmente a livello di contaminazione, rispettando degli intervalli di tempo prestabiliti dal medico.

Un concentrato di sostanze preziose

La parte proteica del farro con il 13,1% è piuttosto elevata rispetto ad altri alimenti. Gli elementi costitutivi delle proteine sono gli amminoacidi. Sono noti 20 amminoacidi, 8 dei quali sono essenziali, cioè non possono essere formati dall'organismo stesso, ma devono essere assorbiti attraverso il cibo.
Rispetto al frumento, il farro ha un contenuto significativamente più elevato dei due amminoacidi essenziali fenilalanina e triptofano.
La fenilalanina produce dopamina nel corpo e i due ormoni adrenalina e noradrenalina. La mancanza di dopamina, ad esempio, può portare al temuto morbo di Parkinson. La noradrenalina e l'adrenalina sono responsabili del buon umore. Un sintomo di carenza di queste sostanze può essere la depressione. Inoltre, i due ormoni del cordone surrenale sono responsabili della regolazione della pressione sanguigna.
Il triptofano stimola la produzione dell'ormone dell'umore serotonina, che ha un effetto equilibrante sull'umore.
L'effetto descritto da Ildegarda "per una mente rilassata" potrebbe avere qui la sua origine.
La fenilalanina e il triptofano sono anche importanti materie prime per i cosiddetti neurotrasmettitori, cioè i messaggeri responsabili della trasmissione degli impulsi nervosi nell'organismo.
Il farro è anche al primo posto nella scala degli alimenti che aumentano le difese naturali.
Il principio difensivo di questo cereale è stato isolato e consiste in cianuro e rodanuro legati allo zucchero, i cosiddetti glicosidi cianogenici o nitrilosidi, che vengono spaccati fermentativamente e rilasciati dalla saliva durante il pasto e che hanno un effetto antimicrobico in bocca e un effetto immunostimolante nell'organismo. A causa della loro importanza vitale sono chiamati anche "vitamina B17″ .

L'alimentazione a base di farro è la base per il trattamento di tutte le malattie dello stomaco e dell'intestino, della dieta dei reni e di tutte le malattie metaboliche. Un pasto giornaliero a base di farro serve, sia che si tratti di riso di farro, torta di farro, o semolino di farro, sia come pane, il farro è buono.
L'alimentazione a base di farro è ideale per tutte le fasce d'età. Dà ai bambini elementi importanti per uno sviluppo sano, gli atleti beneficiano di una composizione equilibrata e agli anziani il farro dà tutte le sostanze vitali importanti per un sistema immunitario attivo. Inoltre, l'esperienza pratica ha dimostrato che i diabetici accettano meglio il farro, poiché la digestione dello zucchero è più lenta e più uniforme che con il grano.

Secondo il principio della subtilitas di Ildegarda il farro nel suo insieme di elementi è un alimento molto sano e influisce positivamente sull'organismo umano.

Ricette

HABERMUS
Ingredienti

  • 2 tazze di semolino, fiocchi o tritello ( chicchi decorticati e spezzettati) di farro
  • 4 tazze di acqua
  • 1 mela a pezzetti
  • Uva sultanina a piacere
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 2 cucchiaini di zucchero di canna o miele
  • 2 punte di coltello di galanga
  • 1 cucchiaio di mandorle a fettine
  • 1 cucchiaino di semi di psillio
  • 1 punta di coltello di radice di piretro
  • Succo di ½ limone se non ci sono problemi di fermentazioni intestinali.


Preparazione
Mescolare il semolino nell’acqua fredda e continuando a mescolare, portare ad ebollizione. Aggiundere lo zucchero o miele, le spezie, e continuare la cottura dolce per 5-10 minuti. Aggiungere la mela apezzetti negli ultimi 4 minuti di cottura. Spargere le mandorle e i semi di psillio sulla mousse cotta. Insaporire secondo il proprio gusto con l’uvetta sultanina oppure mirtilli rossi essiccati ed un po’ di succo di limone.
L’Habermus favorisce la circolazione sanguigna.

Consiglio della dott.ssa Christiane Ernst-Paregger
“ La mousse di farro è ancora meglio se si fa appassire la mela per prima in un po’ di burro o olio di girasole. Poi ci si aggiunge mescolando la cannella con lo zucchero di canna, e si lascia caramellare il tutto  continuando a mescolare. Poi si spruzza un po’ di vino bianco  e lo si fa evaporare. Solo adesso aggiungere il semolino di farro oppure il tritello o i chicchi precotti,  continuare a cuocere e se serve aggiungere del tè di finocchio del giorno precedente. Mescolare finché non si ottiene una pappetta. Aggiungere galanga, radice di piretro, semi di psillio, le uvette e le mandorle. Particolarmente buono con l’aggiunta di un po’ di succo di limone.
 

In evidenza

Altri Eventi

Seminario online da ottobre

READMORE

Altri articoli simili