BACK

Artemisia

Artemisia vulgaris

Cosa scrive S. Ildegarda 

"L'artemisia è molto calda e il suo succo è molto utile, quando viene bollita e mangiata in purea, guarisce gli intestini malati, e riscalda lo stomaco".
"Ma se qualcuno dopo aver mangiato e bevuto ha dolori, cuocia l'artemisia con carne o con grasso o in poltiglia o in qualsiasi altro condimento e miscela, e lo mangi, ed il marciume creato dai cibi e bevande precedenti, verrà eliminato ed espulso.”
 

Come riconoscerla 

L'artemisia cresce lungo i bordi delle strade e di solito non si nota affatto. L'artemisia è una pianta medicinale persistente, che può crescere fino a 2 metri di altezza. Ha uno stelo duro che forma molti corridori.
Questi fusti nodosi e ramificati, legnosi, da rossastri a brunastri, hanno foglie a forma di lancetta, di colore verde scuro e glabro nella parte superiore, pelose e leggermente felpate nella parte inferiore.
L'artemisia porta piccoli capolini rossicci o giallo-grigiastro in diversi gruppi.
La pianta fiorisce da luglio a settembre.

Curiosità

Questa pianta medicinale era già nota nell'antichità, così i soldati romani mettevano l'artemisia nei sandali per mantenere i piedi sani nelle lunghe marce. Un generale romano scrisse in una lettera che i suoi uomini camminavano 15 chilometri più avanti e molto più velocemente se avevano l'artemisia nei loro sandali.

A cosa serve  

Problemi di digestione, dolori allo stomaco, gastrite

Cosa si utilizza 

Vengono utilizzate le punte dei germogli e i grappoli di fiori
 

Ricetta

Cuocere a vapore le foglie fresche e giovani di artemisia  e servire come spinaci. Può essere consumato anche come contorno.

L'artemisia fresca o secca in polvere come spezia in piatti di carne o di verdure o cotta al vapore nel burro come spinaci. Ovviamente solo l'artemisia fresca viene utilizzata per la preparazione degli spinaci.

 

In evidenza

Altri Eventi

Seminario online da ottobre

READMORE

Altri articoli simili

Ricette medicinali

Collutorio alla cenere di vite

READMORE

ON AIR: interviste

Dr Wighard Strehlow: dal 1980 con il Dr Hertzka

READMORE