BACK

Zenzero


Zingiber Officinale

 

Cosa scrive S. Ildegarda

 

"Lo zenzero è molto caldo e diffuso. Fa male alle persone sane e grasse, poichè le rende stupide, ignoranti,tiepide e lascive. Chi è asciutto nel suo corpo e molto indebolito, riduca in polvere lo zenzero e ne assuma moderatamente a digiuno, nelle bevande o lo mangi con il pane, andrà meglio. Ma non appena starà meglio, non lo mangi più, in modo da non subirne danno...”
"Chiunque soffre di dolori allo stomaco (intestino), polverizzi lo zenzero, in misura doppia della galanga e la metà di curcuma rispetto allo zenzero. Prenda questa mistura di polveri, la versi nel vino e la beva dopo aver mangiato e anche di notte quando va a dormire. Lo faccia spesso e lo stomaco starà meglio".
 

 

Come riconoscerlo 

Lo zenzero è una specie vegetale della famiglia delle Zingiberaceae. Oggi lo zenzero è coltivato in tutta l'Asia tropicale e subtropicale, in alcune parti dell'Africa e del Sud America, nonché in Giamaica. Lo zenzero giamaicano, con il suo aroma particolarmente intenso, è il più commercializzato in Occidente, mentre lo zenzero nigeriano è considerato molto pungente ma poco aromatico. 
I portainnesti o rizomi sotterranei della pianta assomigliano a corna. Il tubero di zenzero era già usato come pianta medicinale nell'antica Cina. Si dice che Confucio (551-479 a.C.) lo abbia sempre preso durante i viaggi contro la nausea. Il piccante fruttato dello zenzero è dovuto alle cosiddette sostanze pungenti gingerole e shogaole. I tuberi contengono anche olio essenziale, vitamina C, magnesio, ferro, calcio, potassio, sodio e fosforo. 
I rizomi di zenzero carnosi e ispessiti, simili a tuberi, formano ogni anno germogli alti da 60 a 100 centimetri dai quali crescono le spighe dei fiori.
Lo zenzero ha foglie con lame strette e lunghe circa 20 centimetri. Ricordano le foglie di bambù. Oltre al falso fusto, dai rizomi spuntano infiorescenze a forma di cono. Hanno brattee giallo-verde con molti fiori. Gli stami sono viola e hanno un profumo piacevolmente dolce.

Cosa si usa

La radice in polvere.
 

A cosa serve 

Malattie e dolori allo stomaco, ulcera gastrica/duodenale, colite, malessere addominale superiore, indigestione;
Prendere 2-4 pizzichi di polvere con mezzo bicchiere di vino dopo aver mangiato e prima di andare a letto. Per le malattie croniche si raccomanda una cura da 2 a 4 mesi. Questo rimedio è ben collaudato. 
Come scrive il dott. Strehlow: “Secondo Ildegarda, lo zenzero è estremamente psicotropo. Una definizione dell'Enciclopedia della Psicologia recita: "Psicotropo o psicoattivo è il termine usato per descrivere le sostanze chimiche che hanno un effetto sul comportamento e l'esperienza delle persone. La categoria delle sostanze psicoattive comprende i farmaci psicotropi che vengono utilizzati a scopo terapeutico a causa dei loro effetti psicoattivi”. 
Ildegarda dice che lo zenzero interferisce con la psiche di una persona e questo non sempre a suo vantaggio. 
Mangiare lo zenzero danneggia quindi una persona sana e obesa, perché la rende disorientata, smemorata e goffa oltre che lasciva.
Lo zenzero non è adatto a persone sane, ma è molto adatto a persone malate: i suoi oli aromatici ed essenziali gli conferiscono un effetto farmacologicamente antispasmodico e cardio-stimolante. Abbassa il colesterolo ed è antimicrobico (efficace contro i microrganismi), antimicotico (efficace contro i funghi) e citostatico (inibisce la crescita cellulare). Lo zenzero è quindi anche un componente dell'elisir di lenticchie d'acqua per prevenire lo stato precanceroso. Sulla base di studi clinici, l'Ufficio federale della sanità pubblica tedesca lo classifica come innocuo anche in caso di gastrite, inappetenza e mal di viaggio “

In evidenza

Altri articoli simili

Dicono di lei

Brigitte Pregenzer: Ausili per l'apprendimento secondo Ildegarda - affinché la scuola sia divertente! 

READMORE