BACK

Istruzioni per preparati medicinali

Dalla teoria alla pratica

 

Come preparare una ricetta ?

 
1) leggere bene il testo di Ildegarda.
2) preparare gli utensili necessari a portata di mano
3) Pesare o misurare tutti gli ingredienti
4) Esaminare la ricetta passo dopo passo.
 

Quando è richiesta la polvere :

La pianta intera o le parti della pianta vengono tagliate ed essicate. Quando sono asciutte
si macinano nel macina caffè o nel mulino per cereali. Spesso è sufficiente macinare il materiale polverizzato nel trituratore.
 
 

Quando si parla di succhi di piante:

Il succo è il liquido ottenuti dall'estrazione a freddo di piante appena tagliate. Il succo di piante fresche viene utilizzato immediatamente (ad esempio succo di piantaggine per punture di insetti) oppure utilizzati per la produzione di rimedi (unguenti, elisir....) o conservati con alcool per renderli adatti ad un uso successivo.
 
Per l'autoproduzione si procede con

  1. Raccolta delle piante

  2. Pulitura del materiale raccolto da sostanze estranee (erbacce, erba, terra)

  3. spremere il succo con estrattore oppure a mano con schiaccia patate

  4. prendere la polpa in un panno e pressare fino a fare uscire il succo

 
 
Se il succo fresco della pianta non viene utilizzato subito ,può essere congelato o aggiunto all'acool 90 % da farmacia nel rapporto 1:1 .
 
 

 
 

Cosa sono gli elisir ?

Gli elisir sono preparati in cui le piante o parti di piante, polveri o succhi vengono bolliti nel vino o in acqua a seconda di quello che scrive S.Ildegarda .
 
 
 

Cosa sono gli unguenti?

Nella medicina di Ildegarda si usano diversi ingredienti grassi di base per produrre gli unguenti a seconda di quanto prescritto : il grasso di pecore, capre, capre, bovini, cervi e orsi e anche grasso di maiale .
 
come si preparano :
1) La base grassa si scalda a bagno maria mescolando costantemente.
2) Riscaldare leggermente gli ingredienti liquidi se necessario, quindi aggiungere e mescolare bene con il grasso
3) Quando tutti gli ingredienti sono ben miscelati,si toglie la pentola dal bagnomaria e si continua a mescolare fino a quando la miscela si raffredda .
4) Riempire l'unguento finito in un vasetto di vetro sterilizzato e conservarlo in un luogo fresco o in frigorifero.
 
 

Ceneri vegetali e loro basi

Nella medicina di Ildegarda si usano anche la cenere.
Si usano le liscivie, che sono state preparate dalle ceneri di alcuni legni. La cenere deve sempre essere il prodotto puro della combustione del legno indicato.
 
Il materiale vegetale frantumato si asciuga bene al sole. Queste parti essiccate della pianta sono essiccate con una fiamma a gas (ad es. accendino) e ridotto in cenere sotto la massima sorveglianza. Ad esempoio su una griglia da giardino, accuratamente pulita , all'aperto in un
caminetto, in una stufa a legna da cucina o di una piastra metallica.
Sempre con la massima cautela del caso .
Quando i residui di combustione si sono raffreddati si possono usare per la produzione di rimedi .
 
Produzione della soluzione alcalina.
Versiamo la quantità di cenere indicata nella ricetta con il solvente prescritto (acqua o
vino) in bottiglia a collo largo con tappo a vite,che dovrebbe essere riempito a ¾.
Agitare a più riprese e nei tre giorni consecutivi.
Dopo lasciamo che i residui si depositino nel fondo del vaso e versiamo la soluzione in un contenitore di vetro

In evidenza

Altri Eventi

Seminario online da ottobre

READMORE

Altri articoli simili

ON AIR: interviste

Brigitte Pregenzer: Ausili per l'apprendimento secondo Ildegarda - affinché la scuola sia divertente! 

READMORE