BACK

Cereali

 

Nella sua Physica Ildegarda descrive le forze curative di 7 tipi di cereali diversi, dove il farro spelta riveste il ruolo più importante. Se il farro spelta è ottimale sotto tutti i punti di vista, nessun altro cereale può essere migliore. Esso è certamente buono per il mantenimento ed il ritrovamento della salute. Tutti gli altri cereali hanno per Ildegarda un valore inferiore in quanto dispongono di forze curative e di guarigione limitate.

FRUMENTO


Ildegarda era molto avanti rispetto al suo tempo ed ha anticipato di 850 anni l’intero movimento di riforma in favore del consumo di cereali  integrali, proprio nel suo capitolo relativo al frumento.

“Il frumento riscalda l’uomo ed è così completo da non avere alcuno scarto. Se si produce infatti una farina giusta dal frumento (integrale), il pane che se ne produce è buono sia per i sani che per gli ammalati e procura una buona muscolatura e un buon sangue. Ma se da questa farina si toglie la semola e si produce il pane, questo pane sarà debole e senza efficacia  rispetto a quello prodotto con la farina completa, in quanto la farina bianca perde la sua forza e procura  nell’uomo più muco che la farina integra. Chi cuoce i chicchi di frumento interi e voglia mangiarli come pietanza, non crea in se sangue buono ne buona carne, ma al più un forte muco, in quanto il frumento bollito può  essere sopportato con difficoltà. Il malato non ha da aspettarsi il benché minimo vantaggio, mentre il sano in caso di necessità può sopportarlo.”

Il frumento non è adatto quindi alla bollitura, ne per la preparazione di semolino e neanche per la pasta. Per queste preparazioni meglio usare il farro. Il frumento fa bene solo quando trasformato in pane integrale.

AVENA

“L’avena è calda, possiede un gusto pieno ed un aroma forte.  E’ una pietanza buona e sana per i sani. Essa promuove  la contentezza,  procura un’anima gioiosa, un’intelligenza chiara e pura, dà un bel colorito ed una muscolatura sana. E’ buona da mangiare anche  per chi è poco ammalato, sia nel pane che come farina e non arreca danno. Per chi però è molto debole e freddo non è adatta al consumo, in quanto l’avena cerca sempre il calore. Se gli ammalati mangiassero del pane o della farina d’avena, questo cibo si coagulerebbe subito nel loro intestino, generando livido muco, senza dare energia, in quanto freddo.”

Gli ammalati gravi quindi non dovrebbero consumarla perché può favorire la stitichezza.
Le persone che hanno una scarsa irrorazione sanguigna non soffrono dal consumo di avena sottoforma di pane o porridge, in pappetta. Chi è ammalato e soffre di anemia non ne dovrebbe mangiare, poiché la sua digestione presuppone una buona circolazione sanguigna. L’avena si indurirebbe nello stomaco e non promuoverebbe alcuna forza curativa  poiché raffredderebbe troppo.
I fiocchi d’avena sono un’alternativa per chi non può consumare il farro. Ottimi bagnati con acqua bollente ed arricchiti di miele o zucchero di canna integrale. Il porridge, la sana specialità della colazione inglese è così pronta da consumare.

SEGALE

“La segale è calda ma più fredda del frumento ed ha molte forze. Il pane prodotto con questa farina è buono per i sani e li rende forti. E’ buona per chi ha carni grasse in quanto fa dimagrire e ciononostante rende forti. Chi però ha uno stomaco freddo, e a causa di questo è molto indebolito, non dovrebbe mangiare il pane di segale, perché non lo può digerire.”

La segale quindi è un cibo che rende magri, fa bene ai grassi poiché fa diminuire i chili di troppo. I magri invece con circolazione insufficiente e soprattutto con gastrite non riescono a digerirla.

ORZO

L’orzo ha un’azione rinfrescante che rende freddolosi e deboli più di tutti gli altri cereali. L’orzo come pane o mangiato nella zuppa ferisce i sani e i freddi con circolazione sanguigna debole, in quanto esso non possiede le forze curative degli altri cereali."

L’orzo perciò non dovrebbe aver nulla a che farecon la cucina, se non come bevanda per i malati ed i morenti in una preparazione speciale.
Bevanda d’orzo
Far bollire 3 cucchiai di orzo, finocchio e fiocchi d’avena in un litro d’acqua per 5 minuti. Colare e far bere all’ammalato.
Questa bevanda viene sopportata meravigliosamente. In forma liquida, come nella birra, l’orzo è buono e piacevole in quanto fa crescere la muscolatura. Lo stesso vale per la birra di farro, ancor meglio di quella di orzo, un ottimo rinfrescante per tutti, ammalati e sani.

MIGLIO

Per quanto riguarda il miglio Ildegarda distingue tra miglio (Panicum miliaceum album) e miglio a pannocchia o (Panicum italicum L.) che chiameremo di seguito panico.
Il miglio riempie solo  lo stomaco ed ha però  una funzione curativa in caso di problemi polmonari

‘Il miglio  raffredda e riscalda poco in quanto non nutre né il sangue né la muscolatura e non rinforza entrambi. Riempie solo lo stomaco e diminuisce la fame. Al miglio mancano le sostanze necessarie alla rigenerazione. Il cervello mangiando miglio si riempie d’acqua. La digestione diventa pigra e gli umori interni  vengono mescolati come in una tempesta. Il miglio è come un’erbaccia e non è adatto al nutrimento.
Il panico coltivato nella Foresta nera come "Fennich" e in Italia come "Venich" è meglio del miglio. Il panico supporta in parte la rigenerazione giornaliera del sangue e delle cellule corporali che si rinnovano. Il panico è freddo e riscalda solo un poco, è adatto all’alimentazione perché possiede un po’ di forza curativa e rinforza. In nessun modo il panico arreca danno come il miglio perché non mescola gli umori cattivi e non provoca malattie.
Chi ha febbre alta, faccia bollire il panico nel vino, ne beva spesso tiepido e guarirà.’

CANAPA

La canapa anche se non è un cereale deve essere messa in evidenza come rimedio interessante e segue come collocazione nel libro Physica i cereali.

“La canapa è calda e cresce quando l‘aria non è troppo calda né troppo fredda, così è anche la sua natura. Il suo seme  contiene forze che mantengono la salute”

Si digerisce facilmente ed è utile in quanto allontana il muco, riduce gli umori cattivi e rinforza quelli buoni. Ai pazienti con cervello vuoto (demenza) la canapa causa mal di testa, non danneggia alcuno se possiede una testa sana. Le persone leggermente ammalate potrebbero avere problemi di stomaco ma normalmente anche chi è poco ammalato non viene danneggiato dalla canapa.
 

RISO, GRANO SARACENO, QUINOA ED AMARANTO

Tutti gli altri cereali come riso, grano saraceno, quinoa ed amaranto ed altri esotici non sono descritti da Santa Ildegarda. L’impiego come alimenti è lasciato alla nostra decisione. In generale si dovrebbero preferire i cereali che crescono bene nelle regioni in cui si vive.

 

In evidenza

Altri Eventi

Seminario online da ottobre

READMORE

Altri articoli simili

ON AIR: interviste

Sr Hiltrud Gutjahr:Erfahrungen mit Hildegard

READMORE