BACK

Scolopendrio

Phyllitis Scolopendrium

Cosa scrive S. Ildegarda 

 

"La polvere di scolopendrio leccata prima e dopo aver mangiato dalla tua mano, elimina il mal di testa ed il dolore al petto e calma anche altri dolori nel tuo corpo".

 
Elisir di scolopendrio
 

"....berne spesso prima e dopo il pasto. Aiuta il fegato, pulisce i polmoni e cura i disturbi intestinali ed elimina le suppurazioni interne (marciume) e il muco".

 

Come si riconosce 

Lo scolopendrio è uno dei pochi tipi di felce con foglie lisce a forma di lingua. Le piante sono sempreverdi e hanno una crescita eretta e imbutiforme. In natura, la felce autoctona si trova vicino a rocce calcaree, in gole e fessure di foreste montane umide. Ama un terreno calcareo, umido e in posizione da semiombra a ombreggiata. Cresce fino a 50 cm di altezza.
 

Cosa si usa

Si usano le foglie.

 

A cosa serve 

In caso di mal di testa, anche dovuto ad incidenti, operazioni o shock.

"... se una persona crolla improvvisamente e violentemente (sviene) a causa del dolore, beva immediatamente questa polvere nel vino caldo e migliorerà".

Prima e dopo aver mangiato si leccano 1-3 punte di coltello dalla mano. In caso di incidente prendere la stessa quantità nell'elisir del cuore (vino del cuore) .
Il dott. Hertzka nei suoi scritti ha riportato numerosi casi di traumi cranici risolti con successo grazie alla polvere di scolopendrio. 

 
Il vino allo scolopendrio aiuta i polmoni, anche in caso di tosse cronica ( non però se conseguenza del fumo), ed il fegato.
E' risultato efficace in caso di disturbi ormonali di regolazione delle mestrauzioni.
Secondo Ildegarda esiste una connessione diretta tra i polmoni, il fegato e le ghiandole ormonali. Se la tosse cronica non scompare, probabilmente la causa potrebbe trovarsi nel fegato.
In quanto organo metabolico, il fegato è particolarmente importante per la scomposizione dei nutrienti, la disintossicazione e la rimozione degli additivi alimentari e delle tossine.
È stato dimostrato che il contenuto alcolico dell'elisir di scolopendrio non danneggia il fegato, anzi come scrive Ildegarda lo rafforza.
Può contribuire alla disintossicazione del tratto gastrointestinale, aiutare in caso di endometriosi, disfunzioni tiroidee, disturbi ormonali, menopausa.
 

Ricette

 

Vino allo scolopendrio 

  • 1,5 lt. vino
  • 10 g di scolopendrio
  • 100 -200 g miele
  • 5 g di pepe lungo (piper longum)
  • 10 g di cannella


Portare lo scolopendrio ad ebollizione nel vino e lasciare sobbolire per 5 minuti.
Aggiungere il miele al vino e fare bollire il tutto lentamente.
Poi aggiungere il pepe lungo e la cannella e portare il vino di nuovo ad ebollizione.
Quindi filtrare e imbottigliare ancora caldo in vasi sterili .

1 bicchiere da liquore 3 volte al giorno, dopo colazione e prima o dopo i pasti principali.
Generalmente una cura dura da 4 a 8 settimane a seconda della gravità della malattia. 
Questa miscela si trova in commercio anche già pronta in farmacia o nei negozi specializzati. 

Polvere di scolopendrio
Prima e dopo aver mangiato si leccano 1-3 punte di coltello dalla mano.
In caso di incidente prendere la stessa quantità nel vino caldo del cuore.

In evidenza

Altri articoli simili