BACK

Finocchio

Foeniculum vulgare

 

Cosa scrive S. Ildegarda 

Il finocchio non nuoce all'uomo se mangiato crudo. In qualunque modo lo si mangi, rende l'essere umano allegro, gli dà un bel colore, un piacevole odore e buona digestione.“
 
"Chi mangia il finocchio o i suoi frutti ogni giorno, riduce i succhi cattivi e le putredini, elimina l' odore cattivo del respiro e rende i suoi occhi luminosi per il suo buon calore e la forza nobile. „

Come riconoscerlo 

Il finocchio è una pianta erbacea che appartiene alla famiglia delle Ombrellifere, probabilmente originaria dell’Asia Minore ma diffusa in tutta l’area del Mediterraneo.
Per finocchio si intendono i frutti asciutti e maturi delle diverse varitetà di foeniculum vulgare.
Il finocchio è un’antichissima pianta curativa, che veniva coltivata già nell’antico Egitto.
Le diverse varietà di finocchio si distinguono per dimensione, odore e sapore.
Il finocchio può avere un sapore dolciastro, che ricorda l’anice (foeniculum dulce). Questo sapore è caratteristico dell’elevata componente di anetolo (fino al 50%) nell’olio essenziale.
 

Come si usa

Il finocchio è benefico e può essere mangiato in qualsiasi sua forma, che si tratti di polvere, compresse, verdure o tè, che sia cotto o crudo.
Il finocchio può essere facilmente preso più volte al giorno.
Si consiglia al mattino, appena alzati, di prendere l'abitudine di sciaquarsi la bocca e lavarsi i denti con acqua fredda e poi masticare e mangiare i semi di finocchio a digiuno.
 

A cosa serve 

  • Coliche gastrointestinali,
  • Alito cattivo,
  • Bruciore di stomaco,
  • Flatulenza,
  • Sudore acido,
  • Costipazione,
  • Disturbi circolatori,
  • Miglioramento dell'umore,
  • Effetto digestivo e antispasmodico.

 
Nella medicina di S.Ildegarda il finocchio è un rimedio universale, un carminativo per i dolori allo stomaco e all’intestino. Il finocchio aiuta in caso di difficoltà digestive, di bruciore allo stomaco e di acidità dovuti ad una scorretta alimentazione o all’assunzione di cibi troppo grassi. Se il cibo rimane troppo a lungo nel tratto stomaco-intestino, fermenta e si forma della  putredine che genera i fastidiosi gas intestinali; questi vengono trasportati dal sangue ai polmoni ed espirati. Il finocchio agisce contro la fermentazione/la putredine, scioglie i crampi e favorisce la fuoriuscita dell’aria. Per questo motivo il finocchio è utilizzato sia come rimedio contro i crampi dei neonati e bambini, che contro le coliche dello stomaco e intestinali.
L’efficacia del finocchio può essere potenziata aggiungendo la galanga. Le pastiglie di finocchio-galanga favoriscono la fuoriuscita dei gas dal corpo (sotto forma di rutto o flato).
S.Ildegarda ne parla così:

“In qualsiasi forma si assuma il finocchio, esso dà buonumore, contrasta le cattive esalazioni corporee e l’alitosi, favorisce la circolazione sanguigna e la digestione”.


Cosa dicono del finocchio 

Il finocchio è una fonte di vitamine e di minerali sana, croccante, fresca; soprattutto nei mesi invernali.
100 grammi di finocchio sono sufficienti a coprire il fabbisogno giornaliero di vitamine A e C, di minerali ed oligoelementi.
100 g di finocchio fresco contengono 0,8 g di vitamine A, 93 mg di vitamina C, 109 mg di calcio, 2,7 mg di ferro, 494 mg di potassio, 49 mg di magnesio e 51 mg di fosforo.
Il finocchio è particolarmente utile per le donne: contiene fitormini che rafforzano l’organismo nel periodo del climaterio (che precede e segue la menopausa) e stimola la produzione del latte, contribuendo così al buon nutrimento dei lattanti. È anche il miglior deodorante contro l’alitosi e le cattive esalazioni corporee. 1 litro di tè di finocchio al giorno è meglio di qualsiasi deodorante chimico.

In evidenza

Altri articoli simili

Ricette medicinali

Olio di gocce di vite

READMORE

Medici Ildegardiani

Medici di S.Ildegarda

READMORE