BACK

Zaffiro

Cosa scrive S. Ildegarda

 

"Colui che è scosso violentemente dall'ira, metta subito in bocca uno zaffiro e l'ira cesserà". 
Colui che ha disturbi agli occhi deve prendere uno zaffiro in mano per scaldarlo o lo riscaldi sul fuoco. Poi tocchi gli occhi con questa pietra per tre mattine e tre sere: i suoi occhi guariranno “ 
"Colui che ha gli occhi arrossati, feriti o annebbiati, metta un zaffiro in bocca la mattina a digiuno inumidendolo con la saliva. Poi prenda con il dito la saliva dalla pietra ed inumidisca gli occhi: essi guariranno”.
Se una persona ha la gotta in tutto il corpo da non sopportarne la pressione sulla testa e sul corpo, metta in bocca uno zaffiro e la gotta cesserà”.
Colui che desidera avere una buona intelligenza ed una buona conoscenza metta in bocca ogni mattina uno zaffiro, appena alzato a digiuno e lo trattenga fino a quando abbia ingoiato della saliva che sia stata a contatto con la pietra. Solo allora tolga la pietra. Poi faccia scaldare del vino e metta lo zaffiro sopra, affinchè il vapore del vino lo bagni, lecchi tale umidità dalla pietra.
"... allora egli avrà un'intelligenza ed una conoscenza pura e anche il suo stomaco ne trarrà giovamento.”

A cosa serve 

  • Collera,
  • Ira,
  • Problemi agli occhi, alla cornea, congiuntivite,
  • Gotta, reumatismi,
  • Saggezza,
  • Intelligenza,
  • Concentrazione
  • problemi di stomaco

Secondo Ildegarda lo zaffiro è la pietra della saggezza e della intelligenza. Questa pietra rende la mente umana più limpida e chiara, grazie alla sua forza.
 

Utile come 

Pietra grezza, in forma di collana, ciondolo, saponetta burattata, anello, bracciale

In evidenza

Altri Eventi

Seminario online da ottobre

READMORE

Altri articoli simili

Dicono di lei

Lettera di Papa Benedetto XVI

READMORE

ON AIR: interviste

Dr Wighard Strehlow: dal 1980 con il Dr Hertzka

READMORE