BACK

Farmacia in valigia

Come partire tranquilli per le nostre vacanze?

Sono tanti i problemi di salute che possono rovinarci le vacanze, specialmente se ci troviamo a centinaia di chilometri lontano da casa e non abbiamo a portata di mano i servizi a cui siamo abituati .
Al momento di fare la valigia, quindi, è consigliabile portare un kit utile per le urgenze.

Ecco, in sintesi, quello che non dovremmo mai dimenticare della medicina di S.Ildegarda:

Galanga
Dolori cardiaci, palpitazioni, insufficienza cardiaca e mancanza di respiro.
Anche per mal di testa, dolori mestruali, pienezza,flatulenza, coliche e tutti gli stati di esaurimento e debolezza. In genere aumenta anche le difese dell'organismo.
Masticare una o più compresse di galanga in bocca a seconda del grado di dolore.
Questo allevia i problemi cardiaci in 2 minuti.
Oppure si può aggiungere 1 punta di coltello al tè di finocchio o al succo di lampone, o si può aggiungere come condimento una presa di polvere nella carne o nelle verdure/nell'insalata .
Consiglio: riempite una saliera con polvere di galanga e portatela con voi.
 
Tintura di aquilegia
ci aiuta in caso di febbre o catarro : 10 gocce 2 volte al giorno.
Attenzione: L'aquilegia è velenosa e può essere usata solo in piccola quantità!

Tintura di piantaggine
La tintura madre di piantaggine aiuta a guarire dalle punture di insetti e punture di zecche: strofinare intorno la zona arrossata e, inoltre, posizionare sopra la pietra di agata .
È inoltre possibile utilizzare l'artemisia o foglie di piantaggine strofinandole direttamente sull'area interessata con la linfa della pianta.
 
Agata
Riscaldare l'agata al sole e metterla sulla puntura di insetti, in modo che l'infiammazione diminuisca. La si può usare anche sui morsi di zecca . In quest'ultimo caso un controllo dal medico è comunque sempre consigliato.
 
Ametista
L'ametista aiuta in caso di  punture di insetti.
In caso di punture da insetti occorre  inumidire la pietra con la propria saliva e strofinarla sulla puntura o sul gonfiore fino a quando il dolore è sparito.
Suggerimento: è consigliato portare sempre con sé un'ametista nella tasca dei pantaloni durante le escursioni, S.Ildegarda scrive che i serpenti si tengono alla larga da essa.
 
Mistura di pimpinella
In caso di cinetosi, nausea e vomito, malessere, sofferenza di stomaco, cospargere sul pane secco
2 – 3 punte di coltello di miscela di pimpinella in polvere(pepe, cumino, pimpinella in polvere) e mangiarlo , masticando bene.
 
Mistura di pelargonio 
Si utilizza la polvere per influenza, raucedine, dolori cardiaci, tosse,mal di testa, mal di stomaco, gastrite, freddo.
Per il mal di gola bere  ½ cucchiaio da minestra di polvere di pelargonio bollito nel vino per 5 minuti.
In alternativa: spolverare  la polvere sul pane e masticare tutto molto bene.
 
Semi di psillio
Si inizia a prendere i semi di psillio qualche giorno prima del viaggio,in modo che l'intestino già si regoli e reagisca alla nuova situazione.
In caso di costipazione lasciare in ammollo in acqua calda (2 - 5 min.) 1 cucchiaino da tè di semi di psillio e mangiare la massa gelatinosa. . Alternativa: biscotti ai semi di psillio fatti in casa.
 
L'uovo contro la dissenteria 
Mescolare il granulato contro la diarrea (cumino e pepe) con il tuorlo d'uovo e cuocere in forno a temperatura ambiente. Far asciugare per una notte a circa 50 °C. La massa ben essiccata si mantiene in un vasetto di vetro scuro ben chiuso per almeno 3 - 4 settimane. Si può utilizzare in caso di diarrea nei bambini a partire  dal 2. anno di vita.
 
Piretro
Le polvere di piretro o in alternativa le pastiglie di piretro aiutano contro la flatulenza, il gonfiore, attivano la funzione dei succhi digestivi (bile, stomaco, fegato, pancreas). Da mangiare/masticare ai pasti  da solo o come spezia da condimento.
 
Pomata alla viola
La pomata alla viola è l'unguento miracoloso di S. Ildegarda. Occorre spalmare la crema solo sui bordi della ferita, ma mai direttamente sulla ferita! La pomata di  viola aiuta in caso di abrasioni, ammaccature,ematomi. E' decongestionante e disinfiammante .

Olio di gocce di vite 
Soprattutto se si hanno bambini, il mal d'orecchie può arrivare all'improvviso e sempre di notte quando ci si stende. In genere  è un aiuto per il mal di orecchie, infiammazione dell'orecchio medio, cefalea, nevralgia facciale e trigeminale, tinnito iniziale.
Massaggiare le gocce oleose di vite vigorosamente davanti e dietro l'orecchio. Anche il dolore all'orecchio più grave - soprattutto nei bambini piccoli - scompare nel giro di pochi minuti.
In caso di nevralgia, le gocce vengono massaggiate direttamente sulle zone doloranti.

In evidenza

Altri articoli simili